scritto da eBikeCult in Storie il 24 Mag 2016

Sauser alla Transvesubienne con la Specialized Turbo Levo

Sauser alla Transvesubienne con la Specialized Turbo Levo
        
Stampa Pagina

Christoph Sauser ci racconta la sua Transvesubienne in sella a una Specialized Turbo Levo Fsr.
Tanto per dare qualche coordinata, la Transvesubienne 2016 si è tenuta il 14 e 15 maggio scorsi, portando gli atleti da Nizza a Roquebilière, nell’alta Valle Vésubie, il primo giorno, e dalla stazione montana di La Colmiane a Nizza il secondo giorno. Insomma, dalla Costa Azzurra alle Alpi Marittime e ritorno!
Sauser ha gareggiato nella categoria e-Bike e, se ricordate, già alla Sea Otter, lo avevamo visto alle prese con la e-bike di casa Specialized

8c7e1bc9-9b61-4e8e-8b68-c192bf3de0f9

Ho corso la Transvesubienne già due volte, ma mai con una e-bike. E’ stata una grande prova anche per imparare bene a capire come funziona la Specialized Turbo Levo.

2199e714-8028-45c4-8561-deb680c37b1b

Ogni anno il percorso della gara cambia un po’, ma il suo carattere non cambia mai: “una sfida difficile, ruvida e super tecnica!”
Con o senza motore non importa!

Il sabato (14 maggio, ndr) abbiamo dovuto pedalare da Nizza fino in montagna (67 km / 2500m di salita) e solo due brevi tratti sono stati cronometrati.

bcb76ad0-1e46-4dba-a12f-3d2f45771add

Ho corso le due prove Speciali in modalità Turbo, mentre per i collegamenti ho preferito la modalità Eco (25%).

33cf2eff-5dfe-4b84-bcf9-b69a6d7fb25c

Con la Levo è possibile ottimizzare le diverse modalità tramite l’applicazione Mission Control.

70d662b8-71a5-492f-8bf1-a32710eedbb3

Durante le due Speciali, non ho avuto alcuna possibilità contro i local, che erano super veloci e conoscevano il percorso come le proprie tasche.

08fc70d7-9750-4c79-8e9f-a80942d52df1

Durante il resto del percorso è stato bello poter chiacchierare con gli altri piloti, controllando lo stato di carica della batteria o semplicemente mangiando baguette all’ombra.

669466f9-845d-4ad2-8b8c-252e1fbed81d

Tra l’altro ho potuto avere sempre sotto controllo i dati del motore e della batteria tramite il Garmin e sapevo sempre cosa stava succedendo al motore in termini di erogazione della potenza e sullo stato della batteria.

578d48f1-98c7-4578-b0c0-d5b00359b916

La gestione della batteria è stata molto importante.
Vista la distanza totale della gara, una sostituzione della batteria era permessa. Io per lo più ho corso in modalità Eco e, probabilmente, per il 20% in modalità Trail.
Qui potete vedere come ho configurato le mie due batterie con l’applicazione:

89d6b1ae-6887-4314-99c4-06bcf64035a3

In tutte e tre le modalità (Eco, Trail e Turbo) ho impostato la potenza massima del motore all’85% e l’accelerazione su normale. Tutto per salvare la carica della batteria.
Non ho voluto mai seriamente spingere la bici al massimo.
La batteria era al 5% al primo cambio e al traguardo finale pure.

b1590adf-f1aa-4174-8708-7c07570cd210

Anche se in realtà io non ho visto il traguardo alla fine della gara…
Infatti, ho preso una strada sbagliata a 15 km dal termine!
Ero al secondo posto molto vicino al primo, ma mi sono confuso e ho seguito il percorso di una gara di running. Poi mi sono completamente perso nel mezzo della città di Nizza, cercando di ritrovare in qualche modo l’arrivo.
Non ero solo io a essere molto disidratato ma anche la mia batteria!
Devo dire che la bici, però, è abbastanza manovrabile anche senza motore, pur pesando più di 20 kg.

a024319a-ef36-4268-a3b9-16fe026f763d

La Transvesubienne non è paragonabile alla gara di 45 minuti che ho fatto alla Sea Otter Classic ad aprile.
Una delle cose più difficili è stata dover essere concentrato tutto il tempo. Anche nelle salite tecniche o nei single track pianeggianti mi sono sentito sotto pressione, perché si deve rimanere sempre in allerta, dal momento che si può andare più veloce che su una bici normale.

d329cb44-eda7-4398-91a8-672306fe8876

Gestire i colpi di pedale (evitando di colpire le rocce o le radici), sistemare il reggisella in posizione ideale, distribuire il peso… tutto deve accadere molto più velocemente!

182c91c4-9491-419e-b888-5658d8363c19

Ovviamente questo non ha importanza se si guida la propria e-bike sul giro rilassato della domenica, ma se hai il fiato sul collo di alcuni Frenchies velocissimi su piste folli, allora è una storia completamente diversa!

(Fonte: IamSpecialized.com, foto: Michael Cerveny)

        
Torna in alto