scritto da Andrea Ziliani in Biciclette,Test il 08 Ago 2017

SHORT TEST – Nuova Lapierre Overvolt Am Bosch

SHORT TEST – Nuova Lapierre Overvolt Am Bosch
        
Stampa Pagina

Oltre alla nuova Lapierre Overvolt Am Shimano, nella gamma 2018 del marchio francese entra anche una versione “motorizzata” Bosch, ovvero la serie Lapierre Overvolt Am Bosch.

Lapierre Overvolt Am Bosch

Questa linea di e-bike viene proposta in due versioni: la 29″ con 120 mm di escursione posteriore e la 27,5+ con 150 mm di escursione, ed è quella da noi testata. Le due più evidenti differenze rispetto alla Overvolt AM 729 Shimano sta nella motorizzazione Bosch e nello schema della sospensione posteriore, ripreso dagli altri modelli Overvolt Am (compresa la Overvolt Am Carbon).

Lapierre Overvolt Am Bosch

Lapierre Overvolt Am Bosch

L’introduzione del nuovo pacco batteria Bosch Powertube 500 (foto sopra), che può essere ricaricato sia montato sulla bici, sia smontato dalla bici, ha permesso di raggiungere una linea del telaio molto compatta e slanciata mantenendo tutta la protezione necessaria alla batteria e consentendo anche il montaggio del portaborraccia sul tubo obliquo.

Lapierre Overvolt Am Bosch

Lapierre Overvolt Am Bosch

Il display Bosch Intuvia è dotato di una cover di gomma

Lapierre Overvolt Am Bosch

Il sensore di velocità montato di serie sulla Lapierre Overvolt Am Bosch

Lapierre Overvolt Am Bosch

Molto interessante il magnete per il sensore di velocità: è sempre montato sul raggio, ma con un supporto in plastica che impedisce al magnete di spostarsi nel caso in cui il raggio perdesse tensione.

Le novità non sono, però, solamente nell’hardware.
Il nuovo software Bosch incorpora anche la nuova modalità E-Mtb capace di gestire autonomamente la potenza erogata grazie ai numerosi sensori presenti nella drive unit Bosch.
Tutto questo si traduce in una maggiore semplicità di utilizzo e in migliori  performance nei tratti più impegnativi.

Lapierre Overvolt Am Bosch

Nella zona guarnitura è stato aggiunto un nuovo sistema anti-caduta e anti-risucchio della catena (foto sopra) prodotto direttamente da Lapierre e chiamato Acs (Anti Chain Suck). Lo schema di sospensione è l’Ost+ studiato da Lapierre, quindi uno schema a quadrilatero capace di regalare un’ottima pedalabilità e al contempo mantenere il telaio leggero.

Lapierre Overvolt Am Bosch

Ultimo ma non meno importante il DWS (Dual Wheel Sistem), ossia un sistema che permette la compatibilità con ben 3 formati di ruota: 27,5”, 650b Plus e 29” solamente cambiando i forcellini posteriori (foto in basso).

Lapierre Overvolt Am Bosch

Per quanto riguarda la geometria, invece:

Lapierre Overvolt Am Bosch

E adesso passiamo alle sensazioni in sella ricavate sui sentieri dei Valberg, in Francia.

IN SELLA
La prima sensazione a bordo delle “gommone” Plus è stata, anche qui, quella di una grande sensazione di sicurezza, anche se sulla Overvolt Am 700 l’agilità è decisamente migliore e avvertibile.

Lapierre Overvolt Am Bosch

Anche su questo telaio le geometrie sono da trail bike moderna ma facendo un confronto con la 29 mi sono trovato leggermente più “compatto”.

Lapierre Overvolt Am Bosch

IN SALITA/PEDALATO
Non ho affrontato una vera e propria salita dato che il tour organizzato dalle guide di Valberg era un enorme anello sulle montagne circostanti molto guidato, con tratti veloci, tecnici e molti sali-scendi conditi da ostacoli davvero ostici.
Il perfetto connubio con le gomme Maxxis di generosa sezione (2,8”) e la nuova modalità E-Mtb di Bosch ha permesso di affrontare tutti i tratti in ascesa con relativa facilità, anche dove il terreno non regalava molto grip.

Lapierre Overvolt Am Bosch

A fine giro, dopo più di 30 km e oltre 1000 metri di dislivello, avevo ancora 2 delle 5 tacche di batteria sul display.
Ho trovato la Lapierre Overvolt AM 700 Bosch decisamente più nervosa della AM 729 Shimano come reazioni sul manubrio, ma molto più regolare nell’erogazione della potenza.

Lapierre Overvolt Am Bosch

IN DISCESA
Se in questa lunga giornata di riding non ho trovato lunghe salite da poter affrontare, non posso dire lo stesso per le discese.
I terreni solcati con la Lapierre Overvolt Am 700 Bosch sono stati molto vari e hanno messo in risalto le doti di maneggevolezza e facilità di guida di questa e-bike.Doti che aiutano il neofita e divertono il rider esperto che può “giocare” senza fatica su ogni trail.

Lapierre Overvolt Am Bosch

A fine giornata i bunny hop per evitare tronchi caduti e piccoli manual non sono mancati e devo ammettere che le geometrie mi hanno fatto dimenticare, se così si può dire, il peso della bici.
Il reparto sospensioni su questo modello non mi ha entusiasmato soprattutto all’anteriore.

Lapierre Overvolt Am Bosch

La Pike Rc di primo montaggio sarebbe uno dei componenti da cambiare al volo adottando una più raffinata Pike Rct3, così da avere più sostegno e sensibilità.

In conclusione…
Dopo due giornate intense e molto diverse la scelta tra i due modelli diventa davvero difficile. Entrambe le bici sono estremamente performanti e intuitive fin dalle prime pedalate e sono i dettagli a caratterizzarle e distinguerle.

Lapierre Overvolt Am Shimano

La Lapierre Overvolt AM 729 Shimano (foto sopra) è da consigliare ad un rider con uno stile di guida pulito e rilassato, esperto e non, che cerca una bici tutto fare dal giro post-lavoro di un’ora al lungo giro alpino.

Lapierre Overvolt Am Bosch

La Lapierre Overvolt AM 700 Bosch (foto sopra), invece, è sembrata la scelta giusta sia per i neofiti, che possono trarre più facilmente beneficio dalle gomme Plus rispetto a quelle da 29”, e ai rider più esperti, che possono divertirsi e “giocare” sfruttando appieno le potenzialità di questa trail bike “pompata”.
In ogni modo Lapierre ha centrato in pieno quella che è la richiesta del mondo e-Bike oggi.
Sebbene le e-bike stiano diventando sempre più popolari, una gamma così completa è ancora cosa rara.
Non avete più scuse: premete il tasto “on” e uscite a divertirvi!

Per informazioni LapierreBikes.it

        
Torna in alto