scritto da Andrea Ziliani in Biciclette,Test il 18 Dic 2018

VIDEO TEST – Rocky Mountain Instinct Powerplay 70: la versatilità

VIDEO TEST – Rocky Mountain Instinct Powerplay 70: la versatilità
        
Stampa Pagina

A Rocky Mountain piacciono le sfide difficili, le strade tortuose e le scelte contro corrente e quando decide di mettersi in gioco lo fa affidandosi al proprio know-how.
Che è decisamente fuori dal comune, come ha dimostrato prima con la Altitude Powerplay e ora con la Instinct Powerplay.
Ma le strade tortuose, lo sappiamo anche noi biker, sono spesso anche le più appaganti e in Rocky Mountain hanno dimostrato di saperlo molto bene.
La gamma Powerplay è una voce fuori dal coro e leggendo questo test (in esclusiva per l’Italia) capirete perché.
Ammesso che non lo sappiate già.

SL

Il marchio canadese sbarca nel mondo delle 29 pollici a pedalata assistita presentando la Rocky Mountain Instinct Powerplay.
Si tratta di una biammortizzata con 140 mm di escursione ed un animo tuttofare, ispirato in parte a quello della Altitude Powerplay, ossia la prima e-Mtb di Rocky Mountain.

Rocky Mountain Instinct Powerplay



Rocky Mountain è entrata nel mondo delle e-Bikes distinguendosi subito grazie al suo sistema innovativo e molto diverso rispetto alle altre proposte del mercato.
Un motore dal funzionamento immediato e dalla costruzione proprietaria che caratterizza fortemente la famiglia Powerplay.
Dopo la Altitude Powerplay, biammortizzata da trail/enduro con ruote da 27,5″, arriva anche la proposta da 29″, la Instinct Powerplay.
Scopriamola insieme…

Abbiamo avuto la possibilità di provarla in anteprima e in esclusiva per l’Italia e di seguito vi proponiamo un video che vi spiega (in italiano) le caratteristiche di questa e-Mtb.
Il sottoscritto è andata a ritirarla presso la sede di DSB, l’importatore italiano di Rocky Mountain, e con il titolare, Davide Bonandrini, abbiamo fatto una rapida chiacchierata introduttiva.
Premete play…

La Rocky Mountain Instinct Powerplay si presenta con un telaio in lega leggera capace di 140 millimetri di escursione per entrambe le ruote, che ricalca in tutto e per tutto la sorella Instinct.
Il sistema integrato di propulsione Dyname™ 3.0 è poi sostenuto dalla sospensione posteriore, completamente regolabile in 9 posizione grazie al sistema RIDE-9™, un classico di Rocky Mountain.
Per chi poi è attento ai particolari sulla Instict è possibile montare ben 2 portaborraccia all’interno del triangolo anteriore grazie ad uno speciale adattatore.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Il sistema di propulsione…
Come abbiamo detto poco sopra, le e-Mtb di casa Rocky si caratterizzano da un sistema proprietario di propulsione Dyname™ 3.0 che viene alimentato da una batteria disponibile in 2 capacità: 632Wh per l’allestimento 70 e 500Wh per il 50.
La propulsione è invece affidata ad un motore brushless che viene attivato in modo molto diverso rispetto alla concorrenza.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Diversamente dai sistemi con sensore di coppia posto nel movimento centrale, il sistema Rocky Mountain utilizza un sensore che misura ed interpreta la tensione della catena.
Ovvero, applicando forza sul pedale, la catena, passando fra la puleggia superiore e la corona principale, aumenta la sua tensione e fa flettere un braccio collegato ad un potenziometro che gestisce quindi l’erogazione della potenza.
Appena si appoggia il piede sul pedale il motore inizia a spingere in modo più o meno graduale a seconda del livello di assistenza selezionato.
Ne risulta, quindi, una prontezza di risposta immediata e molto naturale che non lascia spazio ai ritardi a cui siamo abituati con altri sistemi.
Altro plus del Dyname™ 3.0 è il voltaggio al quale lavora: con 48V possiamo infatti ricaricare dell’80% la batteria da 632 Wh in sole due ore, praticamente la metà rispetto ai competitors.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

La cover che nasconde la presa di ricarica per la batteria.

Per i più smanettoni ed esigenti è possibile infine regolare quasi ogni parametro di funzionamento del motore tramite la app EbikeMotion, scaricabile gratuitamente dagli store di Apple e Android.

1 – DETTAGLI  TECNICI TELAIO
– Geometria: 9,5
La Rocky Mountain Instinct Powerplay incarna quello che, a mio avviso, l’essenza della vera e-Mtb full suspension, una vera all mountain capace di far divertire in ogni ambito senza pensieri.
La geometria è davvero bilanciata e grazie al sistema RIDE-9™ è settabile a proprio piacimento grazie a ben 9 posizioni diverse che vanno a modificare angolo sterzo, angolo sella, interasse, altezza del movimento centrale ed il reach.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Ho trovato praticamente perfetta la posizione neutra del Ride-9 ed ho utilizzato per quasi tutto il test la bici con questa impostazione.
Così facendo ho potuto godermi la discesa senza però sacrificare quei tratti tecnici in salita che con la e-bike sono una goduria.
Qui sotto trovate la tabella della geometrie per ogni taglia e per i settaggi slack (angolo di sterzo più aperto), neutral e steep (angolo di sterzo più chiuso) del Ride-9:

Rocky Mountain Instinct Powerplay

– Assetto in sella: 9,0
L’assetto in sella è qualcosa di immediato.
Ci si sente subito a casa e come ho detto per la geometria l’impostazione di guida è davvero ben fatta e bilanciata.
La confidenza di guida che ispira è ottimale, così da capire subito quando stiamo esagerando nella guida.
Io ho utilizzato un modello di Rocky Mountain Instinct Powerplay in taglia L dato che sono alto 183 cm.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

– Cura costruttiva: 9,0
La Rocky Mountain Instinct Powerplay è una e-Mtb senza fronzoli dalla costruzione solida e dal design molto semplice.
Nonostante la costruzione in lega leggera, l’integrazione della batteria all’interno del tubo obliquo è stata realizzata egregiamente tanto da far nascere il sospetto che questa potrebbe non essere una Mtb a pedalata assistita.
Per i più nostalgici del marchio, invece, lo scatolato in alluminio e le saldature a vista richiamano alla memoria le prime vere Rocky Mountain dei primi anni 2000.
Le tubazioni sono massicce ed infondono una certa sicurezza.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

La rigidità dell’insieme è ottima e nonostante questo montaggio preveda una Fox 34 come forcella, la precisione di guida è molto buona.
Anche la colorazione non è lasciata al caso ed in questa versione nero/rosso ogni dettaglio è perfettamente abbinato.
Come molti di voi sapranno e come già visto sulla Altitude Powerplay è praticamente impossibile estrarre la batteria dal telaio.
Questo aspetto poco esaltante, però, è attenuato dalla veloce ricarica a 48V che arriva all’80% in sole due ore.
Unico neo a mio avviso rimane il comando al manubrio (foto in basso).

https://www.mtbcult.it/tecnica/freddo-in-mtb-10-regole-per-conviverci/

Avendo le mani molto grandi ho avuto difficoltà ad azionare i tasti in modo preciso e sentire la vibrazione (sopratutto percorrendo tratti sterrati ed indossando i guanti) che conferma il passaggio da una modalità all’altra.
Al contrario il led di segnalazione modalità/carica si vede perfettamente anche in piena luce solare.
Abbiamo luce bianca dal 100% di carica fino al 75%, Verde fino al 50%, arancione fino al 25% ed infine rossa.
Le modalità sono anch’esse indicate con questi colori.
A led bianco il motore non è in funzione, sul verde abbiamo invece l’assistenza minima.
Passiamo poi all’arancio per l’assistenza intermedia che diventa rosso lampeggiante e pieno per le ultime due modalità “full power”.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

– Tuning ammortizzatore: 9,0
Il montaggio della Rocky Mountain Instinct Powerplay  70 prevede un ammortizzatore Fox Float DPS Evol Performance Elite.
La piattaforma in pedalata è davvero molto stabile e non si avverte nessun bobbing.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Al contrario quando andiamo ad aprire completamente la sospensione si ha la sensazione di avere un cuscino al posteriore capace di assorbire qualsiasi asperità.
Questo modello non è provvisto di piggyback e potrebbe soffrire un po’ sulle lunghe discese, soprattutto nelle stagioni più calde.
Non ho notato però alcun calo di prestazioni durante le uscite fatte per questo test.

– Autonomia batteria: 9,5
Come già fatto notare da Simone nello Short Test della Altitude Powerplay (che potete trovare qui) l’autonomia del sistema Rocky è quasi da riferimento.
Si passano tranquillamente i 1500 metri di dislivello e si torna a casa con ancora abbastanza carica da non dover destare alcuna preoccupazione.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Ovviamente abbiamo testato il modello con la batteria da 632 Wh che è sicuramente più capace di quella da 500 Wh.
Come ribadito in altre occasioni, l’autonomia chilometrica è però un fattore che dipende da diversi fattori quali peso del rider, temperatura esterna, tipo di gomma, percorso e stile di utilizzo della e-Mtb.
Questo test, però, si è svolto sui sentieri che sono solito utilizzare durante tutti i miei test.

– Peso bici: 8,5
Con 23,6 kg in taglia M la Rocky Mountain Instinct Powerplay  70 non è sicuramente una pesopiuma ma è comunque in linea con le rivali, considerando ovviamente i modelli con telaio in lega leggera.
Nella guida questo parametro si sente solo in parte.
Se tentiamo invece di saltare un ostacolo il discorso cambia e dobbiamo fare i conti con la mole di questa Rocky.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

– Prezzo telaio e/o bici: 8,5
Saranno disponibili due allestimenti per questo modello.
Rocky Mountain Instinct Powerplay  70 proposta a 6199€ con le specifiche di montaggio che trovate riassunte nella scheda in basso:

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Esiste anche la Rocky Mountain Istinct Powerplay  50, una versione proposta a 5199 euro con il seguente montaggio:

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Se teniamo conto delle caratteristiche tecniche e del montaggio di questi due allestimenti possiamo dire che i prezzi di Rocky Mountain sono in linea con gli altri grossi marchi del mondo e-Mtb.

– Garanzia: 8,0
La garanzia dei telai in alluminio di casa Rocky Mountain arriva a coprire un periodo di 5 anni sul primo acquirente.

Voto finale (da 1 a 10): 8,8

 

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
– Efficienza sospensione posteriore in salita: 9,0
Quando andiamo ad affrontare un tratto di salita in sella non c’è nulla da temere.
Come detto sopra l’impostazione in sella è ottima e ben bilanciata ed a sospensioni chiuse la pedalata non perde di efficienza.
Non si avverte il minimo bobbing e si può anche spingere forte in fuorisella senza problemi.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Nei tratti sconnessi la modalità intermedia di lock-out presente su ammortizzatore e forcella mi è sembrata forse un filino troppo morbida.
Sarebbe stata perfetta per una Mtb, ma al posteriore nei tratti in salita avrei voluto un po’ di sostegno in più così da non “infossarmi” nelle asperità del terreno, come ad esempio su un single track.

– Erogazione potenza in salita: 10
L’erogazione della potenza del sistema Rocky Mountain è qualcosa di fantastico.
La risposta è immediata e in un attimo sembra di avere la gamba di Nino Schurter… 😬
Il lag è nullo e appena appoggiamo i piedi sui pedali la spinta è istantanea.
C’è bisogno però di qualche giro di ambientamento per capire bene tutta questa prontezza, soprattutto se andiamo ad affrontare abitualmente sentieri in salita.
Altro dettaglio da considerare: visto il funzionamento del sistema, quando si sta fermi è bene non tenere il piede appoggiato sul pedale, per evitare di attivare il motore inutilmente.

– Impressioni di guida in salita: 9,0
La posizione di guida da vera trail aiuta molto in questa fase permettendoci di affrontare praticamente ogni tipo di ostacolo.
La risposta del motore è pronta e la potenza non manca di certo.
Le gomme di serie sulla versione 70, le Maxxis Rekon, sono, secondo me, un grosso punto a sfavore perché rovinano le reali potenzialità di questa e-Mtb.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Le Maxxis Rekon sono un po’ troppo leggere e poco tassellate per questo tipo di mezzo, specie nella stagione invernale, anche se permettono di affrontare lunghi tratti di asfalto o strada forestale risparmiando un po’ la batteria.
Insomma, un upgrade da considerare.

Voto finale (da 1 a 10): 9,3

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
– Efficienza sospensione posteriore in discesa: 9,0
Anche la discesa sembra non intimorire per niente la Rocky Mountain Instinct Powerplay.
A sospensione completamente aperta, il quadrilatero con Horst Link, abbinato all’ammortizzatore Fox Float DPS Evol Performance Elite, dona un’incredibile sensazione di “cuscino” al posteriore.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Non vi nascondo che durante le prime uscite mi sembrava continuamente di aver forato e continuavo a guardare la ruota posteriore preoccupato.
Ma mi sbagliavo di grosso, perché quella era soltanto una riprova di quanto fosse ben tarato il tutto e di quanto la sospensione assorbisse ogni ostacolo.
Nonostante i “soli” 140 mm non ho mai avvertito dei pericolosi finecorsa, a conferma del fatto che la curva di compressione nella parte finale è molto progressiva.

– Efficienza in frenata: 8,5
La sospensione posteriore si è comportata molto bene in frenata anche se la gomma Maxxis Rekon al posteriore non è di certo un punto a favore in questo ambito.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

Sicuramente con una tassellatura più aggressiva aumenteremmo di molto le prestazioni in frenata.

– Impressioni di guida in discesa: 9,0
L’impostazione da trail bike moderna rende questo mezzo una e-Mtb quasi perfetta a livello di sensazioni percepite in sella.
Se non fosse per il peso avvertibile quando cerchiamo di sollevarla, il feeling sarebbe del tutto simile ad una normale Mtb.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

All’anteriore la forcella con offset ridotto aumenta molto la reattività all’anteriore ma senza rendere i cambi di direzione troppo nervosi.
Ci si ritrova piuttosto con una bici capace di tutto, ma ci avverte quando stiamo spingendo troppo.
La forcella Fox 34 all’inizio mi aveva lasciato qualche dubbio in quanto a rigidità per una e-Mtb.
Dopo aver accantonato il timore che una Fox 36 sarebbe stata meglio, ha iniziato a convincermi specie in abbinamento a questo tipo di montaggio, pensato soprattutto per la versatilità.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

L’escursione (140 mm) è solamente un numero di riferimento e ce ne dimentichiamo subito appena cerchiamo di forzare un po’ il ritmo.
Alla fine del test mi sono però convinto che questa e-Mtb riesca a dare il meglio di sé sui percorsi un po’ più guidati e flow, magari guidata in maniera fluida e non troppo forzata così da mantenere una buona velocità e ritmo.
Godendosi quindi la discesa senza troppe velleità agonistiche.

Voto finale (da 1 a 10): 8,8



4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
– Efficienza sospensione posteriore nel pedalato: 9,0
L’anima da trail bike della Rocky Mountain Istinct Powerplay si fa sentire anche su questa tipologia di percorso e la geometria bilanciata ci permette di spingere forte.

Rocky Mountain Instinct Powerplay

La taratura della sospensione è forse un pelo morbida impostata nella modalità intermedia e si avverte l’affondamento dell’ammortizzatore.
Se però il nostro intento è quello di far scorrere il più possibile la bici “pompando” sui pedali (avete presente i pump track? 😬) questa caratteristica può essere un plus.
Dipende dallo stile di guida, insomma.

– Impressioni di guida nel pedalato: 9,5
Di solito affronto con le e-Mtb in test un tratto molto vario e pedalato sulla cresta di una montagna vicino casa usando questo anello come banco di prova.
Il percorso è molto eterogeneo e passa dal single track veloce e scorrevole a tratti molto rocciosi e tecnici.
L’andamento è ondulato e su questo tipo di percorso ho trovato la Rocky Mountain Instinct Powerplay decisamente a suo agio e molto veloce.

Voto finale (da 1 a 10): 9,3

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,05

Rocky Mountain Instinct Powerplay

In conclusione…
La nuova Rocky Mountain Instinct Powerplay 70 mi ha decisamente convinto sotto ogni aspetto dinamico e prestazionale.
Il sistema di assistenza alla pedalata va assimilato e magari non è fra i più indicati per un neofita.
Con questo motore più si pedala (in agilità) e più si va forte.
La potenza non manca di certo e la reattività è da riferimento: nessun altro motore in campo e-Mtb si attiva così rapidamente.
Potendo, rivedrei il montaggio per quanto riguarda le gomme che secondo me rimangono una scelta un po’ penalizzante per una e-Mtb di questo livello.
Se cercate una compagna ideale per lunghe uscite all mountain oppure per una pausa pranzo di sfogo e divertimento la Rocky Mountain Instinct Powerplay è quello che fa per voi!

Qui i test e gli articoli sulle e-Mtb da trail riding.

Per informazioni Bikes.com oppure DSB Bonandrini.com



voto:  9,05 / 10

PRO:

Facilità di utilizzo, sensibilità sospensione posteriore, durata batteria, ricarica veloce, versatilità.

CONTRO:

Gomme indatatte al tipo di utilizzo, sospensione un po' troppo morbide in modalità intermedia, manettino poco ergonomico se avete le mani grandi.

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche telaio:
    telaio in alluminio FORM™ Alloy, passaggio cavi interno, battuta posteriore 148x12, tubo sterzo conico, Geometria regolabile in 9 posizioni, 4 taglie (dalla S alla XL).
  • Travel posteriore:
    140mm
  • Caratteristiche motore:
    motore Dyname™ 3.0 (250w / 48v), capacità batteria 500Wh (modello 50), capacità batteria 632Wh (modello 70)
  • Diametro ruota:
    29 pollici (27,5"+ ready)
  • Peso bici completa:
    23,6 Kg (in taglia L senza pedali)
  • Angolo di sterzo:
    66°, 65,5°, 67° (Slack, Neutral, Steep)
  • Angolo piantone:
    74,7°, 75,2°, 75,7° (Slack, Neutral, Steep)
  • Carro:
    443 mm, 442 mm, 441 mm (Slack, Neutral, Steep)
  • Tubo superiore:
    59,9 cm, 59,7 cm, 59,6 cm (Slack, Neutral, Steep) (tg M)
  • Prezzo:
    6199€
        
Torna in alto