•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lubrificare la catena della e-Mtb è un’operazione semplice, ma proprio per questo molte volte ne viene sottovalutata l’importanza, sia dai principianti che dai biker più esperti.

Lubrificare la catena con attenzione e regolarità è fondamentale per diversi motivi.
Da un lato perché migliora le prestazioni della e-bike (riducendo gli attriti) e la longevità della trasmissione.
Dall’altro perché alcuni banali errori possono compromettere la funzionalità e la sicurezza del mezzo stesso.

In questo articolo, in modo sintetico, vedremo come lubrificare la catena della e-Mtb in modo corretto, evitando gli errori più comuni.



WD-40 SI’ O NO?

Partiamo dalle basi, visto che in questo periodo molti nuovi praticanti si stanno avvicinando al mondo delle due ruote, sia per l’utilizzo cittadino che off-road.

Una delle domande che sentiamo più spesso è quella relativa alla possibilità di usare il WD-40 “classico” come lubrificante.
La risposta è “meglio di no”.

Lubrificare la catena della bici

Il WD-40 è un prodotto multiuso, con funzione sbloccante e idrorepellente.
Può essere usato anche per pulire e in alcuni casi per lubrificare, ma non è particolarmente adatto alla bicicletta a causa della sua “leggerezza”.
In pratica, il rischio è che dopo pochi chilometri di pedalata la catena sia già secca.

Funziona molto meglio come detergente e addirittura come sgrassante vero e proprio.
Attenzione a utilizzarlo su o-ring e parti in gomma, perché potrebbero seccarsi e perdere elasticità, non svolgendo più la loro funzione di tenuta.

Per la catena si devono utilizzare prodotti specifici con una viscosità più elevata.
Non è un caso, d’altronde, che la stessa WD-40 abbia creato una linea specifica per bici, in cui troviamo anche un lubrificante per catene.

Lubrificare la catena della bici

OLIO A GOCCIA VS OLIO SPRAY

In questo caso la questione non riguarda la composizione del prodotto, ma la sua modalità di erogazione.

Il nostro consiglio è di evitare l’olio spray, perché con la vaporizzazione il rischio è che possa finire su altri componenti della bici, come ad esempio dischi dei freni e pastiglie.

E’ vero, con un po’ di attenzione e l’utilizzo di un panno come protezione, si può usare tranquillamente anche l’olio spray, ma perché rischiare?

Pulire i dischi dei freni: cosa fare e cosa evitare…

PIU’ OLIO METTO E MEGLIO E’?

Ecco un altro mito da sfatare.
Molti appassionati esagerano con l’utilizzo di olio, con la convinzione che “più se ne mette, migliore è la lubrificazione”.
Il risultato, quasi sempre, è che alle prime pedalate l’olio schizza ovunque, sporcando il telaio e rischiando di contaminare anche dischi e pasticche dei freni.

E’ difficile quantificare oggettivamente il lubrificante da utilizzare, ma in genere ne bastano poche gocce, da applicare sulla parte interna della catena, mentre si gira la pedivella all’indietro.
In questo modo l’olio penetra tra rullino e pin, riducendo la rumorosità e gli attriti.

Anzi, per evitare di eccedere, una volta eseguita la procedura si può passare con un panno sulla parte esterna, per rimuovere l’olio in eccesso. 

Lubrificare la catena della bici

LA CATENA VA LUBRIFICATA TUTTE LE VOLTE CHE ESCO?

Anche questo è un errore che vediamo commettere piuttosto spesso, soprattutto da chi è alle prime armi.
Non esiste una regola vera e propria, ma in genere, se si utilizza un prodotto specifico nella giusta quantità, si tornerà a fine uscita con la catena quasi asciutta.
In fuoristrada una catena leggermente secca a fine uscita è meglio di una intrisa di olio.
In off-road tutto l’olio in eccesso funge da calamita per polvere e sporcizia.

Lubrificare la catena della e-Mtb

Il rischio, lubrificando ad ogni uscita, è che la catena si “impasti” molto velocemente, sopratutto nei mesi estivi, quando è più facile raccogliere polvere e sporco.
Un controllo visivo e uditivo può essere utile per decidere se aggiungere un po’ di lubrificante se la catena è molto secca.

Un trucco per far girare la catena all’indietro delle e-Mtb è quello di inserire una brugola in una delle bussole della corona o utilizzare un oggetto per trascinare la corona (vedi sotto).

Lubrificare la catena della e-Mtb

Evitate, inoltre, di aggiungere olio ad una catena già completamente sporca, perché andrete solo a peggiorare la situazione.
In questo caso, la cosa più corretta da fare è lavarla e sgrassarla accuratamente, asciugarla (con un panno e un compressore) e poi procedere con l’applicazione del lubrificante.
L’unica vera regola da seguire è quella di lubrificare subito dopo ogni lavaggio.

STAGIONI DIVERSE, LUBRIFICANTI DIVERSI

In commercio esistono tantissimi tipi di lubrificanti, diversi tra loro per composizione, qualità e prezzo.

In questo articolo non analizzeremo la qualità dei singoli prodotti (anche se è bene sapere che tra l’uno e l’altro ci possono essere differenze di diversi watt in termini di dispersione di energia, come vedete nell’immagine qui sotto presa da bicidastrada.it), ma l’opportunità di utilizzare tipologie diverse in base alla stagione.

In questo grafico si nota la differenza di resa tra vari tipi di lubrificanti, in base ad un test eseguito da FrictionFacts

Il consiglio generale è di usare un lubrificante più denso per i mesi invernali, durante i quali è più frequente pedalare in condizioni di umidità.
Questi prodotti (identificati di solito con il termine “Wet”), sporcano di più, ma proteggono maggiormente la catena dall’umidità.

Per i mesi estivi, invece, quasi tutte le aziende specializzate nella cura della bici propongono prodotti specifici, un po’ più “volatili”, che asciugano prima, evitando l’accumulo di polvere, ma hanno un buon potere lubrificante, migliorando l’efficienza e sporcando meno.

Se questo articolo vi è piaciuto, qui sotto trovate un contenuto dedicato alla manutenzione della e-Mtb “fai da te”:

Manutenzione della e-bike: 5 facili procedure per tutti