scritto da Redazione eBikeCult in Tecnica il 08 Mar 2018

Con la Canyon Spectral:ON, il brand tedesco debutta nel mondo elettrico

Con la Canyon Spectral:ON, il brand tedesco debutta nel mondo elettrico
        
Stampa Pagina

La Canyon Spectral:ON è la prima Mtb a pedalata assistita del brand tedesco.
Si tratta di una bici da all mountain in alluminio, con escursione da 150 mm sia sul telaio, sia sulla forcella.
Quattro sono gli allestimenti da uomo e due da donna, il modello 8.0 è quello un po’ più “spinto” sul montaggio, infatti l’escursione della forcella è stata portata a 160 mm.

Canyon Spectral:ON

La Canyon Spectral:ON 8.0 con forcella da 160 mm

 

La caratteristica principale che salta subito all’occhio è il diametro diverso tra la ruota anteriore e quella posteriore: davanti troviamo un cerchio da 29” (con canale interno da 30mm e gomma da 2,5”) e dietro uno da 27,5” (con canale interno da 35 mm e gomma Plus da 2,8”).
Questa configurazione non è una novità del settore e-Bike, altre aziende hanno fatto la stessa scelta, che nel settore e-Bike ha ancora più ragione di esistere…
Pensandoci bene, infatti, anche le moto da cross ed enduro hanno delle ruote differenziate e, se le geometrie sono studiate ed hoc, questo design può portare soltanto a dei benefici, soprattutto in discesa.
Sono cinque le taglie disponibili della Canyon Spectral:ON, dalla XS alla XL, ma quella più piccola monta una ruota da 27,5” anche all’anteriore.

Canyon Spectral:ON

Motore Shimano Steps E800 con scocca protettiva nella parte inferiore

Tornando agli altri dettagli della Canyon Spectral:ON, possiamo dirvi che il telaio è realizzato intorno al motore Shimano Steps E8000, quello che a detta di Canyon offre la pedalata più “naturale” e meno resistenza a motore spento.
La scelta è ricaduta però su una batteria esterna, che è più leggera e pratica da sostituire o ricaricare.

Canyon Spectral:ON

Batteria “semi-integrata”: è alloggiata nella sua sede sul tubo obliquo

Questa però è semi-integrata e posizionata nell’apposita sede sul tubo obliquo.
Nonostante il poco spazio libero è stato trovato lo spazio per il portaborraccia, che si monta con una staffa specifica tra il motore e la batteria.
Il telaio della Canyon Spectral:ON non è per niente banale, infatti ha la geometria di una vera Mtb da all mountain tradizionale.
Il carro è molto corto (43 cm), mentre il reach è piuttosto lungo (44,5 cm in taglia M) da abbinare ad un attacco manubrio più compatto del solito.
Stesso discorso per il top tube, che in taglia M supera i 61 cm (61,6 cm per la precisione).

Canyon Spectral:ON

Interessante è la possibilità di variare i gradi di piantone e sterzo, grazie ad un sistema molto semplice quanto efficace.
In pratica, l’ammortizzatore viene ancorato nella parte anteriore ad un supporto regolabile: basta svitare la brugola e spostare il supporto avanti o indietro e di conseguenza si può cambiare l’altezza del movimento centrale (di 11 mm) e modificare di 0,8 gradi gli angoli.

Canyon Spectral:ON

Ecco il supporto dal quale si può cambiare la geometria

Canyon Spectral:ON

Angoli più aperti o più chiusi e movimento centrale più basso o più alto: è il rider a decidere

Nello specifico, lo sterzo varia da 66,8 a 67,6 gradi e il piantone da 73,8 a 74,6 gradi.
Per questo motivo, sulla Canyon Spectral:ON troviamo delle pedivelle da 165 mm, quindi più corte, realizzate da Shimano su specifiche Canyon, per evitare impatti sui drop e sugli ostacoli soprattutto quando si viaggia in posizione Low, quindi con movimento centrale più basso.

Canyon Spectral:ON

Pedivelle da 165 mm, corona da 34 di serie e guidacatena integrato sul telaio

Canyon Spectral:ON

Anche Fabien Barel sta usando la Canyon Spectral:ON. In queste situazioni le pedivelle corte aiutano

 

Lo schema sospensivo è un quadrilatero con giunto posizionato sui foderi alti del carro, come quello che troviamo sulla Spectral tradizionale.

Canyon Spectral:ON Canyon Spectral:ON

Questo design è studiato da Canyon appositamente per garantire un feeling diverso ed un’azione a tre fasi: sensibile all’inizio, sostenuta a metà corsa e progressiva verso il finale. Nel caso specifico della Canyon Spectral:ON, il fondo corsa è ancora più progressivo visto il peso maggiore di questa e-Bike.

Canyon Spectral:ON

Anche sulla Canyon Spectral:ON troviamo il classico collarino di chiusura del reggisella utilizzato dal marchio tedesco su quasi tutti i modelli, che evita chiusure disomogenee e permette al telescopico di lavorare sempre in modo fluido.
In più, tutti i modelli sono muniti di una sella particolare, ideata proprio da Canyon: ha un carrello molto lungo per trovare meglio l’assetto giusto ed una sorta di incavo con parte posteriore rialzata che evita scivolamenti nei tratti ripidi in salita.

Canyon Spectral:ON

Il passaggio dei cavi è interno e guidato nel tubo obliquo e i batticatena in gomma è integrato al telaio
Specialmente sulle e-Bikes questo dettaglio non è da sottovalutare…

Canyon Spectral:ON

Canyon Spectral:ON

Degna di nota è la scatola pensata da Canyon appositamente per la Canyon Spectral:ON e per le e-Bikes in generale.
Visto che il marchio tedesco vende soltanto on line, ha pensato di realizzare un packaging specifico, che facilita l’estrazione dalla scatola della bici: non serve sollevarla, perché la scatola si apre dall’alto.
Una volta aperta bisogna solo mettere dritto il manubrio, montare la ruota anteriore, i pedali e partire.
Un sistema semplice ma geniale…

Canyon Spectral:ON

Di seguito tutti gli allestimenti con i prezzi della Canyon Spectral:ON.

Canyon Spectral:ON

Allestimenti da uomo

Canyon Spectral:ON

Allestimenti da donna

Canyon Spectral:ON

Queste sono le varie colorazioni disponibili. I modelli da donna sono il rosso/nero o in nero. I modelli da uomo sono in giallo/nero o in nero.

Canyon Spectral:ON

Questo è il modello top di gamma 9.0 con gruppo Shimano Xt Di2, ruote Dt Swiss in carbonio e forcella Fox 36 Factory Float.

Canyon Spectral:ON

A quanto pare, a Fabien Barel è piaciuta parecchio la Canyon Spectral:ON…

Per informazioni canyon.com



        
Torna in alto