scritto da Stefano Chiri in Biciclette,Test il 21 Feb 2019

VIDEO TEST – Brinke Xfr+: quell’agilità che non ti aspetti…

VIDEO TEST – Brinke Xfr+: quell’agilità che non ti aspetti…
        
Stampa Pagina

La Brinke Xfr+ è una e-Mtb a pedalata assistita costruita affidandosi a soluzioni ben collaudate, utilizzando un motore Shimano Steps E8000 (anch’esso ultra collaudato e affidabile) e componenti e accorgimenti, diciamo, classici, come la batteria esterna sul tubo obliquo.
Insomma, il marchio italiano sembra fare di tutto per lasciar passare inosservata questa Xfr+, ma all’atto pratico, quando si sale in sella e si comincia a conoscere questo mezzo, le cose cambiano in modo netto.



La sospensione posteriore con giunto Horst ha 150 mm di escursione abbinati ad una forcella anteriore da 160 mm di travel.
L’assistenza alla pedalata è affidata al collaudato Shimano Steps E8000 (del quale vi abbiamo spiegato qui le caratteristiche) che offre un’ottima sensibilità di pedalata, potenza e autonomia.
Insomma, le caratteristiche chiave ci sono tutte e per le sensazioni in sella che il sottoscritto ha ricavato vi invito a guardare il video di seguito:

1 – DETTAGLI  TECNICI TELAIO

– Geometria: 8,5
Le geometrie della Brinke Xfr+ hanno un’impronta spiccatamente trail, che la rendono con i 67° di angolo di sterzo e i 440 mm di lunghezza del carro una e-bike molto facile da guidare, reattiva e giocosa.
Nonostante i 160mm all’anteriore siano più che una sicurezza le manca qualcosa quando si cerca la velocità pura, ma guidandola ad andature più blande è molto divertente.
74° di angolo piantone invece aiutano ad avere una buona pedalata e una posizione non troppo avanzata, che aiuta ad avere trazione al posteriore.

brinke XFR+

brinke XFR+

brinke XFR+

– Assetto in sella: 8,5
L’assetto in sella è più che buono.
Ci si sente immediatamente a casa e come ho detto per la geometria l’impostazione di guida è ben bilanciata.
Unico neo, a mio avviso, è l’altezza del tubo piantone che solitamente per una taglia media è 17” mentre nel caso della Brinke Cfr+ è 18” limitando l’escursione del telescopico a soli 100 mm, come previsto di serie sui modelli taglia M.

brinke XFR+

– Cura costruttiva: 8,0

La Brinke Xfr+ è una e-Mtb senza fronzoli, dalla costruzione solida e dal design ben collaudato.
La costruzione in lega leggera del telaio si avvale anche di elementi realizzati tramite hydroforming.
Non conosciamo il peso del solo telaio, ma visto il risultato finale (21,2 Kg in tg M) c’è da dire che la leggerezza è davvero molto buona.
Ci sono alcuni elementi un po’ meno rifiniti come alcuni particolari del carro, la batteria posizionata sul tubo obliquo (che comunque contribuisce a rendere il telaio più leggero e comunque solido) e il sensore di velocità sui raggi, ma la sostanza non manca davvero.

brinke XFR+

brinke XFR+

brinke XFR+

– Tuning ammortizzatore: 8,0

Il montaggio della Brinke Xfr+ prevede un ammortizzatore Rock Shox Monarch Rt3.
Il comportamento in pedalata è davvero molto stabile e non si avverte nessun bobbing.
Al contrario quando andiamo ad aprire completamente il registro della compressione si ha la sensazione di avere un cuscino al posteriore capace di assorbire qualsiasi asperità, merito anche delle gomme Schwalbe Nobby Nic da 2,8″.

– Autonomia batteria: 9,5
Come già fatto notare nei precedenti test, l’autonomia del sistema Shimano Steps E8000 è veramente ottima con batteria da 500 Wh.
Si superano i 1500 metri di dislivello, ma va anche detto che io sono un utente un po’ atipico (peso circa 70 kg e con un buon allenamento) sebbene il test si sia svolto sui terreni tipici della stagione invernale (fangosi e scivolosi).
Il peso di poco superiore ai 21 kg certamente aiuta.

brinke XFR+

brinke XFR+

– Peso bici: 9,5
Con 21,2 kg in taglia M pedali esclusi la Brinke Xfr+ è sicuramente un ottimo risultato considerando l’allestimento non leggero e il telaio in lega.
Nella guida questo parametro si sente ed è sicuramente uno dei punti di forza di questa e-bike.

– Prezzo telaio e/o bici: 8

La Brinke Xfr+ così come la vedete in foto viene 4799€.
Considerato l’allestimento e la cura nei dettagli lo si potrebbe ritenere più alto rispetto alle dirette concorrenti, ma una volta provata le prestazioni colmano ampiamente quel gap.

– Garanzia: 6,0
La garanzia dei telai di casa Brinke prevedono 2 anni sul primo acquirente come per legge.

Voto finale (da 1 a 10): 8,25

brinke XFR+

 

 

 

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA

– Efficienza sospensione posteriore in salita: 9

Quando andiamo ad affrontare un tratto di salita in sella non c’è nulla da temere.
Come detto sopra l’impostazione in sella è ben bilanciata e a sospensioni chiuse la pedalata non perde efficacia.
Nei tratti sconnessi aprire la sospensione è più redditizio: si sfrutta la sensibilità, il comfort aumenta e si ha comunque un ottimo sostegno da parte dell’ammortizzatore RockShox Monarch Rt3.

– Erogazione potenza in salita: 9,5

L’erogazione della potenza dell’unità Shimano è uno delle nostre preferite, molto naturale e veloce a capire quando imprimiamo più forza sui pedali.
Il lag è quasi nullo e appena appoggiamo i piedi sui pedali la spinta è quasi istantanea.
L’assistenza intermedia Trail (comunque configurabile tramite l’apposita App) è quella che più ci è piaciuta, in grado di fornire a seconda della nostra spinta un’assistenza ben proporzionata.

brinke XFR+

brinke XFR+

– Impressioni di guida in salita: 9,0

La posizione di guida da trail aiuta molto in questa fase permettendoci di affrontare praticamente ogni tipo di ostacolo grazie al buon peso e alla reattività del telaio nei tratti più guidati.
La risposta del motore è pronta e la potenza non manca di certo.
Le gomme di serie Schwalbe Nobby Nic da 2.8” hanno un buon rapporto tra grip e scorrevolezza per questo tipo di mezzo.
Se però pensate di fare discese molto aggressive è bene considerare qualcosa di più consistente all’anteriore.

Voto finale (da 1 a 10): 9,16

brinke XFR+

brinke XFR+

brinke XFR+

brinke XFR+

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA

– Efficienza sospensione posteriore in discesa: 8,5

Anche la discesa sembra non intimorire la Brinke Xfr+.
A sospensione completamente aperta, il quadrilatero con Horst Link ha un comportamento molto prevedibile e soffice.
I 150 mm al posteriore non mi hanno mai portato ai pericolosi finecorsa, a conferma del fatto che la curva di compressione nella parte finale è progressiva.

– Efficienza in frenata: 8

La sospensione posteriore si è comportata molto bene in frenata anche se la gomma Schwalbe Nobby Nic al posteriore non è di certo una copertura particolarmente aggressiva. Si sente un po’ più resistenza nella scorrevolezza della sospensione a ruota bloccata, tuttavia il sistema con giunto Horst è efficace.

– Impressioni di guida in discesa: 9,0

Geometrie così conservative sulle prime mi hanno fatto un po’ storcere il naso, abituato alle ultime e-Mtb, sempre più aggressive e “discesistiche”.
Eppure la Brinke Xfr+ mi ha sorpreso.
Le geometrie privilegiano l’agilità e questo si percepisce immediatamente dopo pochi metri come facilità di guida e desiderio di improvvisare tratti “improbabili”, tanto in salita quanto in discesa.
Sul veloce e ripido l’angolo di sterzo più chiuso è un fattore che si sente, ma soprattutto ad andature piuttosto sostenute.
C’è comunque da segnalare che grazie al baricentro più basso delle e-bike difficilmente ci si sente in difficoltà o si ha quella spiacevole sensazione di ribaltamento.
Anzi, ci si sente ancora di più incollati al terreno…

Voto finale (da 1 a 10): 8,5

brinke XFR+

brinke XFR+



4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
– Efficienza sospensione posteriore nel pedalato: 8,5
L’anima da trail bike della Brinke Xfr+ qui viene un po’ meno.
Differentemente da quando pedaliamo costantemente in salita, nei rilanci e nelle accelerazioni tipiche del pedalato si fa sentire un certo affondamento dell’ammortizzatore. Se però il nostro intento è quello di far scorrere il più possibile la bici “pompando” su pedali e manubrio, il buon peso che la caratterizza può diventare un plus.

– Impressioni di guida nel pedalato: 9,5
Sorvolando sul fatto che si arriva facilmente a 25 km/h in questa situazione, la leggerezza e l’agilità in questo frangente ci aiutano ad avere un leggero vantaggio su e-bike più pesanti e inevitabilmente più impacciate…

Voto finale (da 1 a 10): 9

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,73

brinke XFR+

In conclusione…

La Brinke Xfr+ mi ha decisamente colpito e sorpreso per facilità di guida e divertimento, in barba alla scarsa notorietà del marchio.
La Xfr+ è una e-Mtb facile che consiglio a tutti quelli che vogliono un mezzo sicuro o per chi cerca un mezzo particolarmente agile e divertente da guidare in salita quanto in discesa.
Ovvero, per non sentire troppo le differenze di guida fra una Mtb e una e-Mtb.
La sua agilità e il rapporto peso/prezzo sono sicuramente i punti di forza, uniti all’affidabilità di un allestimento firmato Shimano.
La Brinke Xfr+ mi ha sicuramente dato una lezione: mai giudicare un libro dalla copertina.

Qui i test e gli articoli sulle e-Mtb da trail riding.

Per informazioni BrinkeBike.com



voto:  8,73 / 10

PRO:

Agilità, leggerezza, affidabilità dei componenti Shimano, facilità di guida

CONTRO:

Cura dei dettagli, tubo piantone più lungo del solito per una Tg M

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche telaio:
    Telaio in lega leggera Hydroforming, passaggio cavi interno, battuta posteriore 148x12, tubo sterzo conico, 3 taglie (S, M e L).
  • Travel posteriore:
    150mm
  • Caratteristiche motore:
    Shimano Steps E8000 capacità batteria 500 Wh
  • Diametro ruote:
    27,5"+
  • Peso bici completa:
    21,2 kg (tg M, pedali esclusi)
  • Angolo di sterzo:
    67°
  • Lunghezza carro:
    440 mm
  • Angolo piantone:
    74°
  • Tubo superiore:
    598 mm (tg M)
  • Prezzo:
    4799€
        
Torna in alto