•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono sempre più numerosi i marchi “storici” di moto che stanno entrando nel mercato delle bici elettriche, rivolgendosi ad un’utenza che ricerca un mezzo leggero, pratico ma anche curato nell’estetica per spostarsi in città e fuori città.
Ecco allora che MV Agusta Motor S.p.A., fin dal 1945 produttore di motociclette, ha annunciato il suo ingresso sul mercato dei veicoli elettrici a due ruote con due nuove e-bike, AMO RR e AMO RC.
Tutti dettagli nel
COMUNICATO UFFICIALE.
VM



MV Agusta Motor S.p.A. ha annunciato il suo ingresso sul mercato della mobilità elettrica con una gamma di veicoli elettrici leggeri col tipico marchio delle ali e della ruota dentata. Un’estensione di brand attesa da tempo che segna il crescente successo di MV Agusta nel settore della mobilità urbana.
I mezzi leggeri della nuova divisione e-mobility di MV Agusta soddisfano questa esigenza di muoversi in libertà sulle strade cittadine in modo veloce, agile ed elegante, ma anche e soprattutto con totale rispetto dell’ambiente.

MV Agusta

Le bici elettriche saranno le prime ad essere introdotte sul mercato, seguite “a ruota” dai monopattini.
Per la prima serie di e-bike del marchio è stato scelto il nome “AMO”, a ricordare l’amore di MV Agusta per il mondo delle due ruote.

I primi due modelli in gamma saranno la RR e la RC, entrambi dotati del silenzioso motore Mahle da 250W con velocità assistita massima di 25km/h, di una batteria Panasonic 250W che garantirà un’autonomia di 75km con una singola carica, e di componenti di alta gamma come i pneumatici Pirelli, i due freni a disco Magura e la cinghia di trasmissione Gates in carbonio.

Le e-bike AMO, dall’eleganza discreta, pesano solo 15,5 kg e sono perfette per percorsi urbani e gite di piacere.

La versione RR sarà proposta in due combinazioni di colore, giallo/nero e rosso/nero, mentre la RC, in edizione limitata, sfoggerà il bianco-rosso-nero della classica livrea del Reparto Corse MV Agusta.

MV Agusta AMO RR
MV Agusta AMO RC

Qui trovate le specifiche tecniche di AMO RC e qui quelle di AMO RR.

Timur Sardarov, CEO di MV Agusta Motor S.p.A., ha dichiarato: «Il nostro mondo si sta muovendo velocemente, la società si sta evolvendo a un ritmo che la pandemia e il new-normal hanno contribuito ad accelerare. Il settore motociclistico è diventato parte di un unico mercato allargato della mobilità leggera che comprende ogni tipologia di mezzo a due ruote. Vi è una domanda crescente di soluzioni di mobilità accessibili, leggere e rispettose dell’ambiente, specialmente nei grandi centri urbani.
È venuto il momento per noi di sfruttare tutto il potenziale del marchio MV Agusta e di quello che rappresenta.
Velocità, qualità delle lavorazioni e alta ingegneria, oltre al design italiano, sono valori che appartengono in egual misura ai biker nel senso tradizionale, ma dal forte appeal anche per i sofisticati consumatori cittadini delle nostre metropoli. Sono convinto che questa mossa che porta ad una diversificazione della nostra offerta con una gamma di prodotti diversi ed attraenti sarà capita dai mercati e porterà i risultati attesi.»

I nuovi arrivati in casa MV Agusta saranno progettati in Italia, nel segno della tradizionale attenzione del marchio all’artigianalità, con l’impiego di materiali e componenti avanzati e tecnologie di ultima generazione.
Sono state strette alleanze con alcuni costruttori tra i più affermati per la produzione di monopattini, presto disponibili sul sito, mentre la gamma di biciclette elettriche sarà interamente assemblata negli stabilimenti varesini.

Entrambe le tipologie di prodotto saranno disponibili online sul sito www.mvagusta.com nella sezione e-mobility oltre ad essere distribuite attraverso la rete commerciale di MV Agusta.

PREZZI:
AMO RR da € 3075
AMO RC da € 4100

Consegne a partire da agosto 2021.

Qui potete trovare altri articoli sulle e-bike da città.

Redazione eBikeCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di eBikeCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di eBikeCult.it