scritto da Simone Lanciotti in Biciclette,Test il 13 Ott 2016

SHORT TEST – Cannondale Moterra 1: l’estetica inganna…

SHORT TEST – Cannondale Moterra 1: l’estetica inganna…
        
Stampa Pagina

ARTICOLO AGGIORNATO IL 1 DICEMBRE 2016

TORINO – L’appuntamento è alle 11:00 sulla collina di Superga, proprio dinanzi alla basilica.
Sono dentro Torino e mentre mi arrampico con l’auto verso la destinazione mi accorgo che la pendenza, qui, non è proprio amichevole, almeno all’inizio.
Già mi immagino come sarebbe affrontarla con la bici che sto per testare oggi.
Su in cima mi attendono Franco Monchiero e una Cannondale Moterra 1 che è un’altra faccenda, meno estrema, più maneggevole (almeno sulla carta) e anche più versatile (per via del travel ridotto a 130 mm) rispetto alla Moterra 1 Lt con 160 mm di corsa.

cannondale moterra 1

La Cannondale Moterra 1

L’obiettivo di questo Short Test è capire le potenzialità di utilizzo della versione a corsa ridotta della Moterra e lo scenario della prova è il dedalo di sentieri che circonda Superga.
Ma cominciamo dalla parte estetica della bici…

cannondale moterra 1

A prima vista può destare perplessità
Il primo approccio, quello puramente estetico, non è dei più facili per via delle dimensioni più che generose del tubo obliquo che diventa un elemento strutturale molto importante perché ha, fra l’altro, il compito di ospitare la batteria Bosch da 500 Wh.
Il motore Performance Line Cx è posizionato in modo del tutto insolito per un Bosch, ovvero inclinato verso l’alto per ridurre la lunghezza del carro (di 45,7 cm), per distribuire in modo ottimale i pesi extra e per evitare che il motore stesso sporga troppo in avanti (dettaglio affatto trascurabile nell’offroad).

cannondale moterra 1

La batteria è inserita nel tubo obliquo ed è protetta da una sorta di cover in gomma molto resistente capace di resistere agli impatti. La cover è facilmente rimovibile in caso di necessità.

Questa serie di soluzioni, fra l’altro, ha permesso a Cannondale di montare un portaborraccia proprio laddove ci si aspetti che sia.
Insomma, nonostante la quantità elevata di saldature e l’estetica non proprio leggiadra (almeno a prima vista), la Cannondale Moterra ha a bordo quei concetti necessari per essere guidata bene.
Abbiamo aggiunto a questo articolo una serie di video nei quali Mark Weir spiega le caratteristiche tecniche di questo mezzo, con i sottotitoli in italiano.
Iniziamo dalla rigidità:

cannondale moterra 1

Pignone da 15 denti posizionato molto vicino al pivot principale della sospensione posteriore da 130 mm di corsa.

E’ una e-bike che si impegna a essere quanto più simile possibile a una trail bike “muscolare” e lo spostamento verso il basso della batteria e quella posizione ruotata verso l’alto del motore sono degli espedienti escogitati proprio per arrivare a quel risultato.
Adesso, vediamo se guidandola le cose stanno davvero così…


pub

Una taglia M ben dimensionata
Sulla geometria della bici Cannondale ha svolto un bel lavoro.
La taglia M da me provata (non era disponibile la L) non ha creato troppe difficoltà nella guida e, anzi, ne ha migliorato la maneggevolezza, almeno nel mio caso, visto che per la mia statura (180 cm) mi trovo spesso a metà strada fra le 2 taglie.

cannondale moterra 1

Attacco manubrio da 55 mm e display Bosch Intuvia

Il manubrio da 780 mm di larghezza e da 15 mm di rise è stato scelto con oculatezza perché migliora la velocità di risposta della bici e permette anche un controllo migliore della ruota anteriore.
L’attacco manubrio è da 55 mm e solo nel caso avessi avuto una taglia L da provare l’avrei trovato troppo lungo.
Appena salito in sella mi sono sentito a mio agio.

cannondale moterra 1

cannondale moterra 1

e-Bike Optimized, ossia la serie di forcelle Fox pensate per le Mtb a pedalata assistita.

Controllo la pressione delle gomme Schwalbe Nobby Nic da 2,8” (montate con camera d’aria), regolo il Sag delle sospensioni, metto l’altezza della sella al punto giusto (74 cm) e sono pronto per partire.
Con me, sui sentieri intorno a Superga, ci sarà una guida d’eccezione, Stefano Migliorini, anche lui in e-bike, insieme a un suo amico, Livio.
Ok, possiamo partire…

cannondale moterra 1

Si parte, scherzando…

Il peso in più si sente, ma…
Se guardo la Cannondale Moterra mi sembra di vedere concretizzate alcune delle accortezze progettuali che caratterizzano le motociclette moderne: centralizzazione delle masse, baricentro basso e interasse corto.
Eppure stiamo parlando di un mezzo, la Moterra, che è più vicino a una bici che a una moto, però il discorso funziona lo stesso e anche molto bene.

cannondale moterra 1

Il motore Bosch è stato ruotato verso l’alto per accorciare il carro e renderlo meno sporgente.

Rispetto alle e-bike di prima generazione quelle del 2017 sono un bel salto in avanti e la Cannondale Moterra è fra queste.
L’aver disposto la batteria più in basso e l’aver accorciato il carro ha reso questa bici molto piacevole da guidare.
Guardate questi due video, sempre sottotitolati in italiano:


In taglia M è molto maneggevole (per essere una e-bike) e il ridotto dislivello fra sella e manubrio facilita molto la guida quando il sentiero scende parecchio e ne facilita anche i bunny hop (che richiedono comunque più abilità e decisione).
Insomma, la sensazione di avere tutto sotto controllo e la confidenza di guida ci sono entrambe.
L’ingresso in curva richiede un po’ di attenzione in più per via del peso, dell’interasse maggiore della bici (parliamo sempre di una e-bike) ed eventualmente anche per prendere confidenza con il grip delle gomme Plus, per cui la percorrenza di curva richiede maggiore decisione per via di un angolo di sterzo (67,5°) non proprio apertissimo.
A fine giro mi ha incuriosito molto l’idea di provare la Moterra 1 con una forcella da 140 mm di corsa.

cannondale moterra 1

I cerchi DtSwiss Xm 551 da 40 di larghezza interna sono quanto mai indicati con gomme Plus.

Il lavoro delle sospensioni
La posizione del pivot principale molto vicina al perno del movimento centrale fa emergere un’altra virtù tecnica della Moterra e che Cannondale è riuscita a raggiungere utilizzando le specifiche dell’Asymetric Integration, ovvero la corona da 15 denti montata sul motore Bosch ha un profilo con un offset di 6 mm (cioè i denti sono spostati verso l’esterno).

cannondale moterra 1

Il Fox Float Evol Dps è molto sensibile, ma durante questo breve test ha messo in luce una ridotta resistenza al fondocorsa. Occorre un test più approfondito per esprimere un giudizio più veritiero.

La battuta del mozzo posteriore è da ben 157 mm e anche questo dettaglio gioca la sua parte, permettendo al carro di essere più compatto senza compromettere il fattore Q e migliorando l’efficienza della ruota posteriore (campanatura dei raggi più simmetrica).
L’ammortizzatore è un Fox Float Evol Factory con una tuning idraulica buono per questa bici, soprattutto in virtù della posizione più ferma della compressione che simula molto un lock-out.

cannondale moterra 1
Per quanto riguarda la parte pneumatica, invece, avrei gradito un po’ di progressività in più visto che raggiungere il fondocorsa mi è sembrato un po’ troppo facile, anche se la ridotta durata del test non mi permette di esprimermi in maniera più definita.
La forcella, una Fox 34 Float Fit4 Factory da 130 mm con la specifica e-Bike Optimized di Fox mi è sembrata un po’ più bilanciata, anche se tendenzialmente troppo progressiva.

cannondale moterra 1
Si vede che Fox ha considerato il peso extra delle e-bike e ha adeguato le tarature pneumatica (intesa come volume della camera positiva) e idraulica in modo da dare il giusto sostegno offroad.
Occorre avere un po’ di pazienza per trovare il valore corretto di pressione di esercizio, ma nel complesso la forcella mi è sembrata piuttosto a punto.


pub

Le doti di arrampicatrice
Ecco un punto cruciale per una e-bike: la salita.
E intendo la salita offroad, dove questa tipologia di bici riesce a sorprendere chiunque.
La Cannondale Moterra 1, grazie sia alle gomme da 2,8”, sia all’assistenza del motore Bosch, riesce a salire praticamente ovunque e la salita si trasforma in una nuova sfida.
Certo, il bello è usarla su sentieri come quelli che si vedono in questo video con Mark Weir:


Comunque, il piacere di guida che può dare una e-bike in discesa è sicuramente tanto, ma il lato più interessante emerge in salita, perché con le gomme Plus e la doppia sospensione il grip si eleva all’ennesima potenza e i single track che prima erano possibili solo in discesa ora diventano interessanti anche nel verso opposto.

cannondale moterra 1

La trasmissione Deore Xt-Slx con pignoni 11-42 di Shimano funziona bene, ma le manca un po’ di silenziosità e un pignone da 46 denti in luogo di quello da 42.

Solo un appunto: il funzionamento del cambio Shimano Deore Xt in abbinamento al pacco pignoni Shimano Slx 11-42 e alla corona anteriore da 15 denti ha un funzionamento buono, magari un po’ rumoroso nel down-shifting, ma il rapporto 15×42, cioè il più agile (che corrisponde circa a un 37×42 se si considera la demoltiplicazione interna al motore Bosch), mi è parso un po’ troppo lungo rispetto a quello che la Moterra potrebbe fare.

cannondale moterra 1

La corona da 15 denti con disegno offset di 6 mm.

Ora, metteteci l’abitudine a utilizzare il 15×48 dello Sram Ex1 (previsto di serie sulla Trek Powerfly Lt 9 Plus), però la sensazione di rapportatura troppo lunga rimane ed è una sensazione del tutto analoga a quella sperimentata provando la Scott e-Genius 710 Plus lo scorso anno.
Questo vuol dire che sulle rampe più ripide le gambe arrivano prima a richiedere più assistenza al motore Bosch.

In conclusione…
L’efficacia di questa bici fa passare in secondo piano un’estetica non accattivante al primo sguardo.
Le qualità dinamiche ci sono e sono anche di alto livello considerando l’equipaggiamento Bosch standard.
La posizione più vicina a terra della batteria e del motore fa una grande differenza e insieme alla geometria da vera trail bike rende la Cannondale Moterra 1 una bici molto piacevole da guidare.

cannondale moterra 1

Ambientazione molto scenografica per questo articolo: la basilica di Superga.

Limitatamente a quella che è stata la mia esperienza di guida (su sentieri piuttosto puliti e scorrevoli) la Moterra, per essere una e-bike, si fa guidare bene e merita di essere considerata in modo più approfondito onde evitare che il solo impatto estetico la possa penalizzare in modo definitivo.
Di sostanza ce n’è molta.

cannondale moterra 1

Foto di rito appena finito il giro

Per quanto riguarda la taglia, la misura M da me provata mi è sembrata, contrariamente alle aspettative, un’opzione da considerare perché incrementa la maneggevolezza della bici senza però farla sembra corta e impacciata.
L’interasse della taglia M è di 18,3 cm contro i 121,4 cm della taglia L.
Per chi ha una statura di 180 cm, quindi, la taglia M è una scelta da considerare.
Per tutti i dettagli tecnici e per conoscere il prezzo della Cannondale Moterra 1 cliccate qui.

Per informazioni Cannondale.com

        
Torna in alto