• 160
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Perché realizzare un articolo su come scegliere quattro componenti che ti fanno guidare meglio la e-bike?
Se non si è più che esperti di Mtb è facile farsi trasportare dall’impatto estetico, dalle mode e dal prezzo, ma così facendo si rischia di fare l’acquisto sbagliato.
Le e-bike sono mezzi che differiscono non di poco rispetto a una Mtb tradizionale ed è di fondamentale importanza dare il giusto peso ai componenti.
Così abbiamo pensato di stendere una lista di elementi, in ordine di rilevanza, per godersi al meglio l’esperienza in sella.

guidare meglio la e-bike



IL PRINCIPIO BASE: DIVERTIMENTO
Cosa vuol dire guidare meglio la e-bike?
Se siete dei biker il divertimento in un’uscita off-road è scherzare con gli amici e guidare.
La e-bike diventa lo strumento per realizzare quella linea che abbiamo in mente o raggiungere quella vetta che ci siamo prefissati.
Guidare l’e-bike significa che il mezzo sul quale siamo in sella deve permetterci di essere rilassati e dare il meglio delle nostre capacità senza che sorgano problemi.
Solo in questo modo possiamo pensare unicamente alla guida e al divertimento, liberi da ogni pensiero.

guidare meglio la e-bike
E-bike, gomme Plus e neve sono il mix ideale per un sorriso a 32 denti…?

L’ASPETTO CRUCIALE IN E-BIKE
L’evoluzione delle geometrie e dei materiali ha permesso alle e-bike di avvicinarsi moltissimo alle sensazioni in sella di una Mtb tradizionale. Ma c’è un aspetto che le differenzia: il peso.
Il maggior peso come condiziona la scelta dei componenti?
Iniziamo da un fatto: la forza che utilizziamo per guidare è strettamente legata alla massa del mezzo (oltre che a quella del biker).
Se le altre variabili in gioco restano le stesse si capisce bene come le forze in gioco con una e-bike siano necessariamente maggiori.

guidare meglio la e-bike

Pensate ad una frenata o al momento in cui la gomma posteriore colpisce una pietra: la forza da applicare sulla leva del freno durante una frenata sarà maggiore, come sarà maggiore la deformazione della gomma quando urterà la pietra rispetto ad una Mtb tradizionale.
Quindi, gli effetti di queste forze dove agiscono maggiormente?
Come posso scegliere i componenti per guidare meglio la e-bike?

LA LISTA DEI DESIDERI
Per garantire il divertimento dobbiamo considerare il giusto mix di affidabilità abbinata al feeling di guida.
Quindi per ordine d’importanza partiamo dal componente che più di tutti ci mantiene a contatto con il terreno e che trasmette maggiori sensazioni al biker: le gomme!
E’ importante su una e-bike scegliere mescole e carcasse adeguate al tipo di utilizzo che andremo a fare con uno sguardo rivolto alla resistenza contro pizzicature e forature.
La scelta di carcasse resistenti aiuta la guida in discesa, mentre in salita consente pressioni di esercizio più basse che favoriscono il grip in ogni condizione.

guidare meglio la e-mtb

guidare meglio la e-bike
Un’altra interessante soluzione è quella di adottare inserti per le gomme, che garantiscono una maggior affidabilità contro pizzicature e forature utilizzando pressioni basse.

In secondo luogo bisogna dare importanza all’impianto frenante.
Il freno è uno di quei componenti che va più sotto stress nella guida con una e-bike. Avere un freno potente garantisce una guida più sicura, ma evita anche dolori alle mani che limitano le nostre capacità di guida e di divertimento: ne abbiamo parlato qui.

guidare meglio la e-mtb
Fermare una e-bike in alcuni frangenti può essere più impegnativo rispetto ad una Mtb tradizionale.
Disco da 220mm flottante. Questa è un’ottima soluzione per garantirsi una frenata sempre potente.

Al terzo posto mettiamo le sospensioni.
Alla guida di una e-bike hanno bisogno di più sostegno durante la corsa e di una struttura che non vada in crisi.
Ultimamente le e-bike escono con tarature dedicate, ma può capitare di trovare forcelle sottodimensionate al tipo di utilizzo per il quale è stato pensato il modello.
Effettuare un upgrade da un punto di vista idraulico offre già maggior sicurezza e feeling nella guida assicurando un bilanciamento della bici migliore, ma ancor più influente è aumentare le doti di rigidità e solidità optando per una forcella con steli maggiorati.
Qui ad esempio abbiamo confrontato la RockShox Zeb e la Fox 38, due forcelle che ben si adattano ad un utilizzo gravity con e-bike.

Sulla nuova Specialized Kenevo abbiamo visto presentarsi di serie anche una forcella a doppia piastra, capace di garantire ottime caratteristiche di rigidità torsionale e trasversale.

Infine le ruote, che devono garantire il giusto compromesso tra rigidità e flessibilità.
E’ importante non utilizzare ruote troppo leggere o troppo rigide che sotto continui colpi o torsioni possono cedere oppure trasmettere molte sollecitazioni.
Le ruote sono in assoluto uno dei componenti che più si percepiscono nella guida, ma che a nostro avviso influiscono meno, rispetto i sopracitati componenti, nel guidare meglio la e-bike.
Una cosa è la percezione dell’effetto che portano nella guida, un’altra cosa è quanto sono necessarie…
PS: la soluzione ideale è trovare un buon compromesso in abbinamento alle gomme.

Sempre più marchi propongono set di ruote specifici per e-bike
guidare meglio la e-bike
Mozzo Dt Swiss Hybrid specifico per e-bike

IN CONCLUSIONE
La classifica gomme, freni, sospensioni, ruote è quella che a nostro avviso fa guidare meglio la e-bike.
Gli altri componenti come manubrio, trasmissione, pedivelle, manopole ecc ecc, contribuiscono a migliorare le sensazioni di guida, ma sono a nostro avviso trascurabili se confrontati con gli altri.
E’ giusto appagare il proprio desiderio di installare un componente piuttosto che l’altro per impreziosire il proprio mezzo.
Se, però, vogliamo fare una spesa intelligente con l’obiettivo concreto di guidare meglio la e-bike adesso sapete a cosa dare precedenza.
E, se ci pensate, la spesa è quasi inversamente proporzionale…

Se ti è piaciuto questo articolo dai uno sguardo alla sezione consigli di guida, troverai dentro argomenti come, ad esempio, questo qui sotto:

VIDEO – e-Mtb in salita: 3 tutorial per osare e divertirsi di più

Stefano Chiri

Ciao, mi chiamo Stefano Chiri e quello che più mi piace è stare in sella ad una due ruote, ancora di più se è una bici. Mi piace la guida, arrivare al mio limite e trovarlo in tutto quello che ho modo di provare. La bicicletta è diventata la mia vita, l'ho vista e continuo a vederla da ogni punto di vista, da meccanico, tester, maestro e "atleta", cercando di trovare sempre nuovi spunti per andare avanti, migliorarmi e per coinvolgervi nell'universo della Mtb e della bici a 360°. Stefano Chiri