•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ci siamo: è arrivata la Santa Cruz Heckler CC, la prima e-Mtb del marchio californiano.
Tanto attesa, tanto preannunciata e già intravista qua e là, questa e-Mtb rappresenta un momento cruciale nell’evoluzione delle e-Mtb, perché Santa Cruz è uno dei marchi di riferimento (se non IL marchio di riferimento) e perché è stata, stoicamente o inspiegabilmente, l’ultimo grande brand ad entrare nel mercato e-Mtb.
Ma andiamo dritti ai dettagli di questa nuova Mtb a pedalata assistita:

Ruote da 27,5” per aumentare il fattore fun come su Bronson e 5010. Le ruote da 29” avrebbero richiesto un carro ancora più lungo per la presenza del motore e del link inferiore del VPP

santa cruz heckler cc

– Motore Shimano Steps E8000 (70 Nm, 250 w e 2,88 Kg) con comando remoto dello Shimano Steps E7000 (SW-E7000-L) e batteria integrata da 504 Wh (2,9 Kg) rimovibile senza chiavi

Sospensione VPP da 150 mm (con forcella da 160 mm) con cinematica della sospensione basata sullo schema della Bronson, ma con ispirazioni da Megatower e Hightower, con cuscinetti a contatto angolare, grease port sul link inferiore.

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc

– Siccome in e-Mtb si pedala molto da seduti, l’anti-squat della Santa Cruz Heckler CC è ridotto rispetto alla Bronson fino al Sag: in questo modo si ha una sospensione più attiva mentre si pedala per avere maggiore trazione sulle salite tecniche

– Struttura del telaio solo in fibra di carbonio serie CC, inclusi carro e cover della batteria. Passaggio cavi interno su tubo obliquo e carro. Garanzia a vita sul telaio.

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc

– 65,5° di sterzo, 76° di piantone, reach da 44,5 cm in tg M e carro da 44,5 cm. I dettagli completi li trovate più in basso

– Taglie dalla S alla XXL

– Pesi dichiarati compresi fra 21,67 e 20,99 Kg

santa cruz heckler cc

– Interruttore di accensione sul tubo obliquo (foto sopra) e porta di ricarica batteria di fianco al motore. Solo componenti originali Shimano per facilitare le operazioni di assistenza in tutto il mondo.

– Manubrio Santa Cruz in carbonio (800 mm di larghezza, 35 mm di diametro, 5° di rise e 8° di backsweep) con passaggio interno del cavo del comando Shimano E7000

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc

– Trasmissioni Sram Eagle 12v con corona anteriore da 34 denti specifica per Sram Eagle

– Nuova ruota posteriore Santa Cruz Reserve 31 ID: mozzo Industry9 Hydra o Dt Swiss 350, 32 fori e cerchio con profilo ispirato al Dh29, con maggiore rigidità torsionale e migliore resistenza agli impatti

– 2 combinazioni di colore

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc santa cruz heckler cc



Di seguito potete trovare le specifiche complete della geometria della Santa Cruz Heckler CC:

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc

Mentre qui trovate i dettagli dei 4 allestimenti previsti da Santa Cruz:

santa cruz heckler cc

santa cruz heckler cc

Per quanto riguarda i pesi e i prezzi indicativi, invece, trovate le informazioni di seguito:

  • Santa Cruz Heckler CC R-Kit: 7.799€ e 21,61 Kg
  • Santa Cruz Heckler CC S-Kit: 8.899€ e 21,67 Kg
  • Santa Cruz Heckler CC X01-Kit Reserve: 11.199€ e 21,09 Kg
  • Santa Cruz Heckler CC XX1 AXS-Kit Reserve: 13.499€ e 20,99 Kg

Contiamo di provarla a brevissimo e di farvi sapere come va la prima e-Mtb di casa Santa Cruz.

Per informazioni FocusItaliaGroup.it oppure SantaCruzBicycles.com

PS: in realtà, il nome Heckler non è una novità per Santa Cruz.
Chi conosce il marchio californiano, infatti, ricorderà la “stirpe” delle Santa Cruz Heckler contraddistinta da una sospensione monopivot e dal telaio in lega leggera.

L’ultima serie delle Santa Cruz Heckler

La Heckler “del passato” era un modello che rendeva la gamma Santa Cruz più abbordabile, seppure senza la sospensione VPP.
E’ evidente, però, che con la nuova Heckler CC Santa Cruz ha deciso di cambiare il destino a questa stirpe di Mtb.



Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Qualche anno fa, beh, ormai 5 anni fa, ho provato la prima e-Mtb e si è aperto un mondo. Sono convinto che siano un'alternativa alle Mtb che potenzialmente riguarda tutti i biker. Il mio lavoro (e quello dello staff di eBikeCult che dirigo) è raccontarvi la loro evoluzione, come usarle al meglio e come vanno sui sentieri. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti