• 130
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Siamo soliti parlarvi di marchi di e-Mtb che hanno una storia più che consolidata in campo Mtb, ma per il test della Moustache Samedi 29 Game 8 occorre fare una premessa importante.
Questo marchio è nato nel momento in cui sono nate le e-bike, in quanto Moustache produce solo e-Bike (qui altri articoli sul marchio Moustache).
Nella fattispecie, e-Mtb e lo fa con un certo successo da circa 10 anni, solo con motori Bosch e in ambiti che spaziano dall’off-road, alla strada, all’urban fino alle cargo bike.

Moustache Samedi 29 Game 8

Quindi, Moustache sa cosa sono le bici a pedalata assistita e ha imparato molto bene (come avrete modo di capire in questo test) come costruire una e-Mtb divertente, capace e facile da usare.
La Moustache Samedi 29 Game 8 è un esemplificazione di questi concetti, tanto ovvii quanto difficili da mettere insieme sulla medesima e-Mtb.
Eppure questo modello con 160 mm di escursione, ruote da 29”, un allestimento molto “furbo” e un prezzo non eccezionale, ma, purtroppo, allineato alla concorrenza: 6299€.
Ma di questo parleremo più avanti.
Intanto ve la presentiamo, poi, dopo il video, continuate a leggere il test…

1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria: 9
A spiccare è il bilanciamento complessivo: il biker si trova in sella in una posizione ben centrata e con un carico sulla ruota anteriore corretto per un angolo di sterzo di 65,7° e una forcella da 160 mm.
Il tubo piantone da 74,2° è abbastanza “in piedi” da permettere una spinta efficace in salita e soprattutto misure di reach e tubo superiore sono ben dimensionate, rispettivamente 62,5 cm e 44,8 cm, sempre in taglia L.

Moustache Samedi 29 Game 8

Il carro è da 46 cm, quindi non particolarmente compatto, così come l’interasse, 1236 mm in taglia L, ossia due valori che influiscono in modo evidente sulla guida di questa Moustache.
Rimane comunque un mezzo facile da guidare, come leggerete più avanti.
Da segnalare la presenza di un flip chip sull’attacco inferiore dell’ammortizzatore (foto in basso) che consente, a chi lo volesse, di montare ruote da 27,5” di diametro.

Moustache Samedi 29 Game 8

Moustache Samedi 29 Game 8

– Assetto in sella: 9
Personalmente mi sono sentito subito a casa e sebbene si avverta una certa lunghezza complessiva (1236 mm di interasse), la Moustache Samedi 29 Game 8 non è una e-Mtb che incute timore reverenziale.
Il reggisella telescopico Moustache da 150 mm di corsa (nella taglia L) facilita in feeling di guida in discesa e nelle salite più difficili.

Moustache Samedi 29 Game 8

– Cura costruttiva: 8,5
La Moustache ha dimostrato in diverse occasioni di sapere il fatto suo nella creazione di e-Mtb di alto livello e questa Samedi ne è un’ulteriore riprova.
Come mostrato nel video, il passaggio interno ed esterno dei cavi e le protezioni sono posizionate in modo corretto e curato.
Da segnalare la presenza dell’attacco del portaborraccia nella parte inferiore del tubo superiore: in questo modo, a prescindere dalla taglia, è possibile montarne uno sul telaio della Samedi 29.

Moustache Samedi 29 Game 8

– Tuning ammortizzatore: 9,5
Il Moustache Magic Grip Control 160, da 205×65 e con attacco Trunnion, è ben fatto e studiato per dare alla Samedi un comportamento molto sensibile alle piccole asperità (con la complicità di un bilanciere superiore molto lungo) e ben supportato man mano che si va oltre nell’escursione.
Poche le regolazioni, ma molto efficaci: la piattaforma on-off per il controllo della compressione fa il suo dovere.
Il test è stato condotto lo scorso inverno quindi non possiamo pronunciarci sul suo comportamento in caso di surriscaldamento.

Moustache Samedi 29 Game 8

Moustache Samedi 29 Game 8 Moustache Samedi 29 Game 8

– Posizionamento ammortizzatore: 9
Non è proprio sotto al tubo superiore, ma comunque è abbastanza facile da raggiungere stando in sella.
E’ anche vero che, di solito, non si avverte la sensazione di dover agire di frequente sulle regolazioni.

– Autonomia batteria: 9
Si tratta di una batteria Bosch PowerTube da 625 Wh e di un motore Bosch Performance Line CX di ultima generazione e, quindi, con un comportamento che abbiamo già avuto modo più volte di verificare.
Di fatto non si allontana molto come prestazioni e autonomia da quello precedente, per cui con 625 Wh di batteria, un peso di 85 Kg e percorso soprattutto off-road si riescono a fare anche 1700 metri di dislivello, utilizzando soprattutto la modalità Tour.

Moustache Samedi 29 Game 8

– Peso telaio e/o bici: 8
23,06 Kg in taglia L, senza pedali e con gomme tubeless sono un buon risultato che migliora il dato fornito da Moustache (23,7 Kg).
Certo, non si può dire che sia leggerissima, ma è in linea con le concorrenti di pari livello e allestimento.

– Prezzo telaio e/o bici: 7,5
6299€ ma occorre fare una riflessione: i componenti che contano (ad eccezione delle ruote) sono di comprovata e riconosciuta qualità come la trasmissione Shimano Deore XT 12v, i freni Shimano Deore Xt, la forcella Fox 36 Float Factory Grip2, le pedivelle e13 e le gomme Maxxis Assegai, ma il resto, dalle ruote al manubrio, è costruito-marchiato Moustache.
Sul quale non abbiamo particolari riserve, perché almeno durante il nostro test sono componenti che hanno dimostrato di funzionare in modo ineccepibile (a parte il posizionamento migliorabile del comando del reggisella, foto in basso), ma pensiamo che poteva rappresentare l’occasione per proporre la Samedi 29 Game 8 ad un prezzo più concorrenziale.

Moustache Samedi 29 Game 8

Moustache Samedi 29 Game 8

Moustache Samedi 29 Game 8 Moustache Samedi 29 Game 8

– Garanzia telaio: 9
Moustache garantisce il telaio per 5 anni, mentre motore e batteria per 2 anni o 500 cicli di ricarica.
Due anni, anche per il resto della componentistica.

Voto finale (da 1 a 10): 8,72

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA: 8,5
La trazione della ruota posteriore con gomma Maxxis Assegai WT da 2,6” e la lunghezza del carro di 46 cm permettono di salire davvero con disinvoltura.
Il sistema Bosch, se si proviene da uno Shimano o da uno Specialized, richiede un minimo di apprendistato perché la logica di funzionamento è leggermente differente, ma soprattutto in Tour riesce a dare un supporto adeguato a chi guida-pedala.
La trasmissione Shimano Deore Xt 12v con pacco pignoni 10-51 è una sicurezza: si riesce ad avere la giusta demoltiplicazione anche sui tratti più ripidi.
Buona la precisione di cambiata e nulla da eccepire sull’affidabilità della trasmissione.
Da segnalare le pedivelle da 165 mm che offrono una maggiore distanza da terra e, quindi, un superamento più facile degli ostacoli.
Mega gradoni di roccia esclusi…

Moustache Samedi 29 Game 8

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA: 9
Si avverte il buon bilanciamento complessivo della geometria.
Richiede però decisione nella guida per far sì che le ruote da 29”, il travel di 160 mm e l’angolo di sterzo piuttosto aperto diano i noti benefici nella guida.
Si guida con piacere e fa sentire subito a casa.

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO: 9
Fintanto che si sta sotto i 25 Km orari non ci sono particolarità da segnalare: il motore elettrico aiuta ad “alleggerire” la Moustache Samedi 29.
Il motore Bosch risulta piuttosto solerte nel rispondere agli input sui pedali specialmente nella modalità eMtb, da preferire in discesa, ad esempio, se si vogliono dei rilanci fulminei in uscita di curva.

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,80

Moustache Samedi 29 Game 8

Moustache Samedi 29 Game 8

In conclusione…
Moustache fa solo e-Mtb e ha acquisito nel corso degli ultimi anni un’esperienza e una reputazione di tutto rispetto.
La Samedi 29 Game 8 lo dimostra: geometria ben bilanciata, sospensione posteriore ben tarata e componenti scelti per non creare pensieri a chi la userà.
Al netto di qualche sbavatura (vedi il comando remoto del reggisella), questa e-Mtb è un prodotto pensato per durare e dare soddisfazione a lungo.
Da consigliare a chi intende farne un uso anche molto impegnativo, anche agonistico.

Per informazioni Moustachebikes.com

Qui tutti i nostri articoli e test sulle e-Mtb da enduro

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Qualche anno fa, beh, ormai 5 anni fa, ho provato la prima e-Mtb e si è aperto un mondo. Sono convinto che siano un'alternativa alle Mtb che potenzialmente riguarda tutti i biker. Il mio lavoro (e quello dello staff di eBikeCult che dirigo) è raccontarvi la loro evoluzione, come usarle al meglio e come vanno sui sentieri. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti